17 Set

Campagne Pay Per Click: tutto quello che devi sapere

Hai un sito web ma non ricevi traffico dai motori di ricerca? Se il tuo sito è stato aperto da poco immagino che non sarà ancora indicizzato su Google. Fino al momento in cui le parole chiave presenti nel tuo sito non si posizionano sul motore di ricerca puoi ricevere traffico diretto attivando delle campagne Pay Per Click (PPC). Ne hai mai sentito parlare? In questo articolo ti spiegherò che cosa sono e a che servono le campagne “paga per ricevere click” sul motore di ricerca Google.

Pubblicità Pay Per Click: cos’è e a che serve?

Il Pay Per Click è il processo attraverso il quale il proprietario di un sito web/landing page paga una certa somma di denaro, ad esempio a Google, per ricevere dei clic su degli annunci sponsorizzati appositamente creati. In generale, possiamo dire che colui che fa una campagna PPC sta “acquistando” un visitatore per il suo sito Web anziché ottenerlo organicamente (naturalmente) dalle ricerche dei visitatori sui motori di ricerca.
Questa tipologia di pubblicità web è un ottimo strumento per ottenere immediatamente traffico sul sito. Esiste però un dettaglio da non sottovalutare: l’impostazione di una campagna Pay Per Click non è affatto facile! È necessario creare una strategia pubblicitaria selezionando le parole chiave giuste, segmentare correttamente il pubblico target (destinatario del messaggio) e ottimizzare costantemente la campagna.
Le campagne Google Ads possono essere molto profittevoli, capaci di generare un ROI (ritorno d’investimento) positivo, oppure estremamente costose ed inefficaci.

Importanza del PPC (Pay per click) per la tua azienda

Google Ads è il miglior strumento per le campagne di web marketing. Non esistono altre piattaforme pubblicitarie così efficaci perché è l’unica che intercetta gli utenti a seguito di una domanda (query) che essi pongono al motore di ricerca.
La cosa davvero notevole è che il messaggio pubblicitario raggiunge in maniera chirurgica un pubblico mirato e selezionato, esattamente quel pubblico che è interessato proprio a ciò che promuovi nelle tue pagine web. Se gestite bene, le campagne pay per click su Google sono più efficaci di altre campagne create sulle diverse piattaforme di advertising (Facebok Ads, Twitter Ads, Linkedin Ads, ecc) diminuendo la dispersione degli utenti casuali o per nulla interessati.

Vantaggi e svantaggi delle campagne Pay-Per-Click

La pubblicità pay-per-click può essere parte di una più complessa strategia di web marketing. Prima di andare oltre voglio spiegarti quali sono i principali vantaggi e gli svantaggi da considerare prima di attivare una campagna PPC.

Vantaggi delle campagne pubblicitarie pay per click

  • Portano immediatamente traffico target ad una landing page o ad un sito web;
  • Aumentano il traffico e, nelle giuste condizioni, permettono di accrescere anche le vendite;
  • Sono convenienti: paghi solo quando un utente raggiunge effettivamente il tuo sito Web o la tua landing page. Se la campagna è gestita da professionisti ne può derivare un buon rapporto qualità-prezzo;
  • Hanno un target ben definito: puoi scegliere il tuo pubblico in base ai dati raccolti dalle piattaforme pubblicitarie come posizione, lingua e dispositivo, ma anche professione, età, sesso e altre caratteristiche variabili;
  • Possono essere “analizzate”: puoi impostare il tracciamento delle campagne PPC per misurarne attentamente l’efficacia. Ad esempio puoi utilizzare Google Ads collegato a Google Analytics per vedere il funnel, il percorso che compie l’utente da anonimo a cliente.  Puoi determinare esattamente qual è il tuo ritorno sull’investimento oppure il tasso di conversione.
  • Sono personalizzabili: mentre le tue campagne sono in corso, puoi apportare piccole modifiche ad esse con lo scopo di migliorarne le performance oppure creare degli A/B test per vedere quale annuncio funziona meglio e scartare gli altri;
  • Possono portare a risultati immediati: potrai vedrai gli effetti delle tue campagne PPC immediatamente. A differenza delle tecniche SEO, che può richiedere mesi prima di ottenere i primi risultati, con il ppc il riscontro in termini di traffico sul sito è immediato.

Svantaggi delle campagne pubblicitarie pay per click

  • Hanno bisogno di un investimento di tempo: non puoi semplicemente impostare le tue campagne PPC e abbandonarle. È necessario investire del tempo nell’ottimizzazione di annunci, keywords ed estensioni;
  • Richiedono competenze avanzate di web marketing: è necessaria molta pratica per impostare campagne efficaci. Per questo la maggior parte delle aziende sceglie di rivolgersi ad un’agenzia specializzata o ad un freelance, ad esempio ad un digital marketing manager. Puoi sempre occupartene in prima persona ma il risultato che otterrai sarà sicuramente “una perdita di ingenti somme di denaro”;
  • I costi possono lievitare rapidamente: se non stai monitorando e ottimizzando le tue campagne al fine di ottenere un ritorno sull’investimento, i tuoi soldi potrebbero andare velocemente in fumo. Dovrai impostare un budget per le campagne Pay Per Click, a differenza della SEO in cui l’unico investimento è il tempo che impieghi a scrivere e ottimizzare i contenuti.
  • I clic e le visite non sempre si traducono in vendite: dovrai “convertire” l’utente anonimo, che giunge per la prima volta sul tuo sito, in un cliente. Se la pagina web di atterraggio non è settata perfettamente non venderai nulla! Inoltre pagherai molto di più i clic rispetto ai competitor per via del PDQ (punteggio di qualità) delle inserzioni Google.
  • Non saranno indicizzati i contenuti del sito: spesso ho sentito dire che se fai una campagna Google Ads guadagni anche posizioni organiche! Non è assolutamente vero. Le campagne sponsorizzate su Google non influenzano l’indicizzazione ed il posizionamento delle parole chiave.

Perché fare campagne PPC?

La competizione, per qualsiasi settore in cui operi, si fa sempre più feroce ogni giorno che passa. Per comparire in cima ai risultati di ricerca sponsorizzati di Google devi lottare con i tuoi competitor con cui condividi le stesse parole chiave che attivano gli annunci. Con il Pay Per Click emergere sugli altri, che utilizzano lo stesso servizio, è estremamente difficile. Dovrai lavorare molto sulla qualità degli annunci, la coerenza dei contenuti dell’inserzione rispetto alla pagina di atterraggio e su altri fattori che determinano il ranking della sezione riservata alle sponsorizzazioni.

Confronto tra SEO e PPC

Abbiamo già analizzato l’importanza e i vantaggi di una campagna PPC. Ora ti spiegherò  il confronto tra PPC e SEO, che è una questione davvero importante da focalizzare. La Search Engine Optimization tecnica è un processo complesso, quanto lo è il Pay Per Click. Per ottimizzare un sito, per renderlo visibile sui motori a seguito di una keywords digitata da un utente, hai bisogno di tantissimo tempo. Per posizionare organicamente le parole chiave più proficue nella prima pagina dei risultati di ricerca di Google ci vogliono molte ore di lavoro e delle competenze specialistiche. Per le campagne PPC il posizionamento sulla prima pagina di Google è immediato per molti settori merceologici.
La SEO è un’attività complessa, in cui è necessario rivolgersi a professionisti del settore, pagando cifre anche considerevoli. Non solo: non riceverai alcuna garanzia sul fatto che il tuo sito web si posizionerà fra i primi risultati di ricerca di Google. I bot dei motori di ricerca, che scansionano giornalmente i siti, sono in continuo aggiornamento. Inoltre, ci sono migliaia di concorrenti in lotta per quei posti su Google. Solo un bravo esperto Seo sarà in grado di stimare la competitività delle parole chiave e individuare, più o meno, dove potresti posizionarti sul listato di Big G. Nel caso del Pay Per Click, i soldi che regolarmente paghi per gli esperti SEO vengono investiti in Google, il che assicura che il tuo sito web vada a posizionarsi sulla prima pagina dei risultati di ricerca. Dall’altro lato però c’è da dire che finita la campagna pay per click, a differenza di una strategia SEO, tornerai nell’anonimato. No investimenti, no party!

Potrebbe interessarti anche: 3 Consigli Seo – Ottimizzazione fai da te

Come fare una campagna PPC perfetta?

Partiamo da una premessa: hai bisogno di un professionista, di qualcuno che gestisca la campagna PPC per conto della tua azienda. Se tu decidessi di farlo autonomamente non ci sarà nessuno che te lo vieta ma andresti incontro solo ad uno spreco di denaro. Vuoi sapere quanto paghi per ogni clic sul tuo annuncio? Il costo è variabile. Si tratta di un’asta che dipende dalle dimensioni dell’offerta che condividi su Google e da quanto è bravo il professionista, al quale ti sei rivolto, ad ottimizzare la campagna.
Google Ads ti consente di rendere immediatamente disponibili i tuoi annunci sul motore di ricerca quando una persona cerca parole chiave che hanno attinenza con la tua offerta.

La tua campagna Pay Per Click funziona meglio quando vengono attentamente curati i seguenti aspetti:

  1. Selezione delle parole chiave giuste: le “keywords” saranno il portale di accesso a migliaia di potenziali utenti interessati a ciò che offri. Selezionare le parole chiave migliori è il primo passo verso il successo di una campagna Google Ads. Dovresti conoscere tutti i dettagli sul numero di utenti che ricercano determinate parole chiave e sulla concorrenza prima di prendere una decisione. Inoltre devi utilizzare le keywords pensando sempre a rendere pertinenti ad esse gli annunci. La pertinenza degli annunci con le parole chiave e i contenuti del sito ti aiuta ad avere un PDQ più alto e vincere sui competitor, pagando meno i clic.
  2. Osservazione dei tuoi concorrenti: è sempre bene osservare il comportamento dei tuoi competitor. Ti aiuta a scegliere la strada da percorrere e a ridurre i rischi da affrontare. Ciò ti consente, anche spiando, di conoscere le parole chiave, gli annunci o la pagina di destinazione di un determinato competitor. Esistono alcuni strumenti per scoprire le principali parole chiave del concorrente, come Semrush, Ahrefs, Spyfu, ecc.
  3. Ottimizzazione delle offerte: è fondamentale per monitorare le performance delle parole chiave scelte e capire se portano traffico o meno nel corso della campagna. Questo lavoro di ottimizzazione aiuta a sostituire quelle parole chiave poco redditizie e con un punteggio di bassa qualità.
  4. Monitoraggio delle conversioni: mostra quali annunci e quali parole chiave hanno portato il maggior numero di clienti che hanno acquistato alla fine i loro prodotti o servizi.
  5. PDQ (Punteggio di qualità): è la valutazione che Google fornisce dopo aver esaminato i tuoi annunci, la tua landing page e le parole chiave. Google Ads ti informa anche sul rendimento dei tuoi annunci e sulla percentuale di clic (CTR). Un CTR alto determina un punteggio di qualità più alto e ti aiuta ad abbassare il CPC (costo per clic) rispetto ai competitor.
  6. Parole chiave a corrispondenza inversa: è una strategia davvero utile che impedisce la visualizzazione del tuo annuncio a utenti indesiderati o ad utenti non interessati ai prodotti che offri. Le parole chiave a corrispondenza inversa ti permettono di mostrare il tuo annuncio ad utenti con la maggiore probabilità di fare click su di esso. In questo modo si evitano costi inutili, dovuti a parole chiave che fanno spendere soldi senza farti ottenere risultati. Questo aiuta nella riduzione del CPC e nell’aumento del ROI.
  7. Gestione del budget: nei sistemi “paga per click” devi sempre tenere conto dell’allocazione del budget di spesa. La gestione del budget dovrebbe essere studiata in base alle parole chiave. Dovresti investire più budget per le parole chiave ad alto rendimento e meno, o nulla, per le parole chiave a basso posizionamento. Devi allocare il budget in base al rendimento effettivo della conversione.
  8. Estensioni dell’annuncio: sono una sorta di bonus per integrare il tuo annuncio fornendo informazioni aggiuntive come link, snippet, app, indirizzi ecc. Possono migliorare il coinvolgimento dell’utente, aiutandoti a migliorare il CTR, che determinerà un punteggio di qualità più alto e un basso CPC.

Quali sono le alternative al Pay Per Click?

Google Ads è lo strumento pubblicitario Pay Per Click più popolare e potente al mondo. Ci sono ogni giorno mediamente oltre 1,2 milioni di nuovi annunci pubblicitari aziendali sul motore di ricerca del gigante tecnologico con base a Menlo Park (USA). Un’azienda guadagna in media 2 euro per ogni euro speso in Google Ads grazie a campagne pubblicitarie di alta qualità a costi contenuti.
In alternativa ci sono altri servizi simili che puoi utilizzare per fare pubblicità. La struttura delle piattaforme che permettono ad aziende e professionisti di promuoversi è diversa ma il sistema “pay-per-click” è simile. Vediamo quali sono:

  • Facebook Ads: sono più di 2 milioni gli inserzionisti attivi su Facebook, piattaforma nella quale ogni giorno sono attivi oltre 1 miliardo di utenti. Si tratta della seconda piattaforma più grande al mondo per pubblicizzare la propria attività. Gli annunci su Facebook, grazie ai post incentrati sui video, aumentano considerevolmente il coinvolgimento degli utenti rispetto ai semplici post contenenti solo testo. Ha costi per clic più bassi ma rendimenti peggiori rispetto a Google Ads. Molto dipende da cosa si pubblicizza.
  • Bing Ads: è un’alternativa a Google Ads, essendo un motore di ricerca molto simile, ma ovviamente Big G garantisce risultati migliori perché possiede la più grande quota di mercato. Il motore di ricerca sviluppato da Microsoft in ogni caso è il secondo più diffuso in occidente ma non così tanto da essere profittevole per le campagne pay per clic. Ciò non significa che questo search engine debba essere completamente ignorato: i concorrenti su Bing sono inferiori e anche la concorrenza per le parole chiave, il che significa che possono esserci buone probabilità che il tuo sito web o la tua landing page si collochi in cima ai risultati di ricerca. Diciamo che è abbastanza raro che un professionista scelga di puntare su questa piattaforma pubblicitaria per la promozione di un’azienda, se non in un’ottica di una pubblicità omnicanale.

Perché dovresti affidarti ad un’agenzia di web marketing?

In che modo un’agenzia di marketing digitale può gestire e far crescere la tua attività attraverso il marketing online? Le agenzie specializzate in web marketing giocano un ruolo fondamentale nella buona riuscita delle campagne pay per clic.

Se hai intenzione di investire in pubblicità, e non vuoi assoldare una web agency, devi studiare molto. Google ad esempio permette a tutti di seguire gratuitamente dei corsi online e di sostenere gli esami per la certificazione dei suoi servizi Ads.

Se non hai intenzione di studiare ti serve l’aiuto di un’agenzia di marketing digitale. Il nostro staff ha aiutato molte aziende a crescere ed avere un buon ritorno d’investimento sulle spese pubblicitarie. Contattaci compilando il modulo di preventivo oppure chiamaci al 0656547285 per parlarci del tuo business!

Articoli correlati

Lascia un commento

Vuoi accedere
a risorse ESCLUSIVE e
ai nuovi aggiornamenti?
Iscrivendoti alla newsletter potrai beneficiare:
• Accesso gratuito a consigli di marketing
• Aggiornamenti sui nuovi contenuti pubblicati
• Esclusive offerte riservate
Non inviamo spam, potrai cancellarti in qualsiasi momento.
Si, grazie