Blog

26 Dic

3 consigli SEO (Search Engine Optimization) fai da te

Come professionisti della SEO incontriamo ogni giorno imprenditori con la volontà di investire in queste attività di marketing a lungo termine. Nella maggior parte dei casi riscontriamo sempre un certo scetticismo quando si parla di Search Engine Optimization e delle strategie per l’attuazione di essa. A questo proposito voglio dimostrarti che la SEO funziona e ti invito ad applicare i seguenti tre consigli per valutare tu stesso. Però non aspettarti di riempire il tuo negozio o vendere online migliaia di prodotti nel breve periodo. Se sarai bravo potrai però riscontrare una crescita delle parole chiave del tuo sito web su Google. Con le attività di search engine optimization puoi aumentare il traffico dai motori di ricerca verso il tuo sito internet. Le strategie SEO hanno bisogno di pazienza e di una continua analisi dei risultati. Dovrai aiutarti con dei software in cloud che ti permettono un’analisi di massima delle parole chiave del tuo sito web.

Cos’è la Search Engine Optimization e perché è una strategia a lungo termine?

Prima di passare ai 3 consigli SEO ti premetto che l’ottimizzazione delle parole chiave e dei contenuti del tuo sito web per i motori di ricerca è un mondo misterioso. Infatti, nessuno sa come funziona l’algoritmo di Google e in che modo esso possa estrapolare le parole chiave e posizionarle sul listato di ricerca. Quello che possiamo fare è applicare le best practice consigliate da Google e produrre testi ottimizzati per i siti web che siano:

  • di qualità, scritti in un italiano grammaticalmente corretto;
  • unici, Google non ama i copia e incolla penalizzando chi utilizza questa tecnica;
  • utili, che servano realmente all’utente per risolvere un problema o ad informarlo.

Come fa Google ad individuare le parole chiave all’interno di un contenuto? In pratica utilizza degli scanner che analizzano le pagine web e in base a meccanismi oscuri a tutti (dico propri tutti, compreso professionisti di Search Engine Optimization e Web agency) estrapola le parole chiave posizionandole sul proprio listato in base alla loro coerenza con le query digitate dagli utenti sul motore di ricerca. Comunemente questo processo è chiamato posizionamento delle keywords.

Adesso sai che Google fa un po’ come gli pare quando si tratta di posizionamento delle parole chiave. Ma, come già accennato prima, noi abbiamo a disposizione qualche trucchetto per rendere i contenuti più leggibili dagli spider di Google. Gli spider sono delle porzioni di algoritmo che si occupano della scansione dei contenuti. In questo caso voglio consigliarti 3 trucchi che faranno crescere il numero di parole chiave del tuo sito web presenti sul motore di ricerca e migliorare il posizionamento di quelle già presenti. Ci tengo a ribadire che questi consigli sono gli stessi presenti nelle best practice di Google per la realizzazione dei siti web e ti ricordo che i contenuti del tuo sito devono essere coerenti, unici e utili.

Consiglio 1: nella Sitemap dai priorità ai contenuti più importanti

Quando costruisci un sito web, la prima cosa da fare è realizzare i contenuti. Dopo aver speso molto tempo nella realizzazione dei testi per il sito internet devi occuparti della SEO. Se hai un sito web in WordPress (CMS tra i più diffusi) potrai aiutarti scaricando ed installando sul tuo sito plugin come Yoast SEO e Sitemap XML.

Dopo aver compilato Meta Title e Meta Description di Yoast su tutte le pagine del sito web (per questo argomento ci sarà una guida a breve) potrai concentrarti sulla Sitemap dando la priorità ai contenuti più importanti ed eliminando quelli meno importanti. La priorità si misura con un numero da 0 a 1. Di solito, la pagina più importante di un sito web è la Home che avrà come priorità 1. A seguire le pagine ed il blog, io ti consiglio 0,6. Infine la pagina contatti e i prodotti con valori compresi tra 0,1 a 0,4.

In questo modo darai un’indicazione di massima a Google su quali siano i contenuti da scansionare più spesso.

Consiglio 2: velocizza il tuo sito web e ottimizza il peso delle immagini

Vuoi permettere agli spider di Google di scansionare spesso il tuo sito? Migliora la velocità di apertura delle pagine web del tuo sito web. Per Google, le pagine web che si aprono velocemente sono migliori rispetto a quelle più lente. Per questo bisogna misurare la velocità di un sito web.

Come vedere quanto è veloce un sito web?

Puoi usufruire di tools gratuiti online e te ne elenco due tra i migliori in assoluto:

  • Google Page Speed Insight: è lo speed tool di Google. Ti permette di misurare la velocità del tuo sito web e ti offre dei consigli per migliorarla. Il punteggio varia da 0 a 100 e l’analisi viene effettuata sia sulla versione desktop che sulla versione mobile del sito.
  • GTmetrix: è un tool simile a Google Page Speed Insight ma ha il vantaggio di scansionare il server dove è ospitato il sito fornendoti dei consigli per migliorare la velocità. Ritengo che questo strumento sia molto più completo del tool di Google.

In generale, posso consigliarti di utilizzare sempre le immagini. Considera che una pagina web, per essere facilmente scansionabile da Google, deve pesare al massimo 100kb. Per questo, all’interno delle pagine devi inserire immagini ottimizzate.

Come ottimizzare le immagini?

Ci sono molti tools online che hanno lo scopo di comprimere le immagini riducendo il peso in kb di esse. Quello che utilizzo più spesso è Optimizilla. Il funzionamento del tool è facile ed intuitivo. Ti basta caricare o trascinare le immagini sulla barra di caricamento e attendere la compressione. Fa attenzione al peso dell’immagine! Ti consiglio di stare al di sotto dei 25kb. Per migliorare la compressione puoi abbassare la risoluzione. Avrai immagini meno nitide ma meno pesanti.

Consiglio 3: tieni attivo il blog e scrivi molti articoli

Il consiglio migliore che posso darti è quello di scrivere tanto sul tuo blog. Crea un piano editoriale e pubblica spesso nuovi articoli. Se non sei molto bravo a scrivere articoli per il tuo blog, butta giù delle idee e fatti aiutare da un esperto Copywriter. Resta inteso che se i contenuti sono veramente utili agli utenti puoi permetterti anche qualche errore grammaticale. Scrivere correttamente ha dei vantaggi perché rassicura chi legge sull’affidabilità di chi scrive, ma il motore di ricerca, essendo un bot (un algoritmo) non dovrebbe risentirne troppo.

Perché ti consiglio di scrivere molto sul tuo blog? La risposta è semplice, più articoli scrivi più possibilità hai che Google scansioni i tuoi contenuti indicizzando e posizionando le parole chiave sul listato di ricerca.

Per il monitoraggio del numero delle parole chiave e del traffico ti consiglio il tool Seo Semrush.

Questi sono solo tre semplici consigli che ti consentiranno di far crescere il tuo sito web sui motori di ricerca. Se hai intenzione di attuare strategie SEO più complesse dovresti contattarci. Troveremo insieme la soluzione giusta per te. Nel nostro staff ci sono esperti Copywriter, Seo specialist e Blogger che si occupano di scrittura articoli per blog e gestione dei contenuti SEO per i siti web.

Articoli correlati

Lascia un commento